Alimenti al Shangri-La Workers Fund

Articolo apparso su Workers OnLine 30 marzo 2001 (dal sito Iuf)

Alimenti al Shangri-La Workers Fund

L’Union dello Shangri-la Hotel di Giacarta sta chiedendo ai sindacati e ai sostenitori in tutto il mondo di donare soldi per gli aiuti alimentari ai lavoratori in sciopero.

I lavoratori che sono fuori dal loro posto di lavoro da più di tre mesi, sono stati sottoposti alla violenza delinquente della sicurezza privata e della polizia locale.

Diversi sono stato ospedalizzati a causa dei questi attacchi e almeno una donna ha abortito per le botte della polizia.

Dice Ron Oswald, segretario generale dell’Unione internazionale hotel, lo Iuf con sede a Ginevra: “Il Shangri-La ha riaperto con un ridotto staff di crumiri il 17 marzo [2001], ma il tasso di occupazione è meno del 5 per cento, con un alto numero di clienti invitati dal management”.

Altri lavoratori indonesiani di hotel, dal Regent Hotel e dal Hyatt Hotel hanno provveduto supporto finanziario e presenza fisica nei picchetti fuori del Shangri-La Hotel.

I lavoratori stessi dello Shangri-la hanno messo in piedi un paio di "Solidarity Cafes" dove i cuochi e l’altro personale messo fuori dall’hotel vendendo cibo ai supporters, raccolgono cibi e forniscono informazioni attorno ai diritti sindacali ai clienti che lo desiderano.

Menu dei Solidarity Café

con piatti da 4,500 rupie indonesiane (circa 1 dollaro australiano), da 6,500 rupie, da 3,500 rupie.

Ron Oswald dice che i lavoratori continuano a organizzare regolari proteste fuori dall’hotel a dispetto della forte presenza di polizia.

Dice Oswald: “Il sindacato è impegnata a continuare la lotta e i lavoratori sono fiduciosi che possono durare più a lungo del management e ritornare al lavoro con i loro diritti garantiti in un accordo colletivo. Ma per continuare la lotta, loro necessitano di mangiare”.

“Lo Iuf quindi si appella a tutti i suoi membri e supporters, come materia urgente, di contribuire allo IUF Emergency Rice Fund for the Shangri-La Workers (Fondo Emergenza Riso per i lavoratori Shangri-La)”.

Abbiamo bisogno di raccogliere almeno $US 9-10,000 al mese per i prossimi 2-3 mesi per sostenere gli scioperanti mentre le loro sorelle e fratelli in Indonesia e lo IUF internazionalmente lavora a promuovere una composizione della vertenza”.

[Intanto]
Il sindacato americano ha fatto pressione nella vicenda Shangri-La con il presidente dell’Afl-Cio, John Sweeney, che ha messo in guardia il governo indonesiano sulle consequenze se continua il conflitto e i diritti del sindacato sono scalzati.

Come l’Afl-Cio sono intervenuti i sindacati di Australia, Canada, Cina HK SAR e d’Europa.