Alessandria. Carlo calzature, in campo le donne di famiglia

06/02/2003



6/2/2003

          VEDOVA E SORELLA DEL FIGLIO DEL FONDATORE PRONTE A FARE UN TENTATIVO
          «Salveremo noi l´azienda»
          Carlo calzature, in campo le donne di famiglia

          ALESSANDRIA
          Margherita Ricci e Patrizia Pasetti Cerruti, vedova e sorella di Paolo Pasetti, il figlio del fondatore della «Carlo Calzature» (oltre 200 dipendenti sparsi in Italia, 80 in provincia, ora in crisi), si dicono intenzionate a salvare l´azienda impegnandosi direttamente. E confermano per lunedì l´assemblea dei soci. «I professionisti della famiglia – fanno sapere – stanno accertando in modo approfondito la situazione in cui la società è stata lasciata dai precedenti gestori che si sono improvvisamente allontanati da Solero (l´amministratore unico è stato arrestato a gennaio nell´ambito di una grossa inchiesta; ndr). La struttura imprenditoriale dell´azienda è assai solida anche grazie al rilevante numero di centri di vendita radicati nel contesto commerciale dell´Italia settentrionale, dove il marchio è affidabile». Da qui l´interessamento anche di altri gruppi a forme di collaborazione o di acquisizione integrale. La decisione unanime della famiglia Pasetti di rioccuparsi della «Carlo Calzature», sia pure nei limiti delle possibilità finanziarie e gestionali, è un fattore che fa sperare nel raggiungimento della soluzione della crisi. «Si è aperto uno spiraglio che cogliamo con favore – commenta Bruno Pasero, della Filcams Cgil -. Ma ci riserviamo ogni considerazione dopo l´assemblea di lunedì.

          e. c.