AL VIA LA TRATTATIVA PER IL RINNOVO DEL CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DELLA VIGILANZA PRIVATA

27/10/2009

28 ottobre 2009

Al via la trattativa per il rinnovo del contratto collettivo nazionale della Vigilanza privata

Si è aperta il 26 ottobre la trattativa per il rinnovo del contratto collettivo nazionale della Vigilanza privata, scaduto ormai da quasi un anno.
Obbiettivo di tutti, sia delle organizzazioni sindacali che delle parti sociali, è essere concreti e veloci, anche se al tavolo ci si è presentati con tre piattaforme separate. Nonostante la partenza, però l’intento della Filcams Cgil Nazionale è quello di arrivare, per quanto possibile, ad una sintesi unitaria, come spiega il segretario nazionale Maurizio Scarpa: “Quello che non è stato fatto in partenza, speriamo si riesca a recuperare durante il negoziato. Abbiamo presentato, infatti, una piattaforma che ripropone il quadro condiviso prima che ci fosse l’accordo separato sul modello contrattuale che la Cgil non ha siglato.”
Tra i pilastri della piattaforma la necessitò di definire il campo di applicazione limitando l’incertezza contrattuale per alcune figure professionali; risolvere il problema del cambio appalto e la continua corsa al massimo ribasso, per difendere l’occupazione e tutelare la certezza del posto. In ultimo la richiesta economica, indispensabile, per la Filcams Cgil, nella presentazione della piattaforma; € 145 al IV livello. “ È tra le nostre priorità – prosegue Scarpa – tutelare il potere d’acquisto, soprattutto in un settore, quello della vigilanza privata dove i salari sono tra i più bassi”.

Dopo la presentazione delle tre piattaforme, le parti datoriali, dopo una breve consultazione, hanno chiesto alle organizzazioni sindacali di aggiornare l’incontro per iniziare ad entrare nel merito della negoziazione, avendo però il tempo necessario per definire le loro priorità.
Appuntamento al 16 novembre, con l’auspicio, di entrambe le parti, che questo rinnovo contrattuale possa cambiare definitivamente pelle ad un settore critico, definendo specificatamente gli spazi di applicazione e per rilanciare tutte le figure professionali coinvolte.