Al via la «nuova» Rinascente

09/05/2005
    sabato 7 maggio 2005

      Maurizio Borletti, nipote del fondatore della società, nominato presidente. Escono di scena Ifil e Auchan
      Al via la «nuova» Rinascente

        MILANO Il consorzio formato da Investitori Associati Sgr, DB Real Estate Globakl Opportunities IB, Pirelli RE e dal Gruppo Borletti, ha acquisto ieri il 99,09% del capitale di Rinascente spa da Eurofind Textile Sa, società lussemburghese controllata pariteticamente da Ifil e Auchan.

          L’operazione, che prevede l’acquisizione delle attività tessili ed immobiliari di Rinascente spa (che riunisce i Grandi Magazzini La Rinascente e Upim) da parte del consorzio, è stata conclusa a un prezzo di 888 milioni di euro, tramite asta competitiva. La cordata è partecipata al 46% da Investitori Associati, al 30% da DB Real Estate Global Opportunities IB, al 20% da Pirelli RE e per il 4% dal Gruppo Borletti.

            L’Assemblea degli azionisti di Rinascente, la holding di controllo che detiene il 100% di Rinascente/Upim S.p.a., ha eletto Maurizio Borletti alla Presidenza. È stato inoltre rinnovato il CdA di Rinascente/Upim S.p.a, i cui membri sono: Giovanni Cobolli Gigli presidente, che ricoprirà tale carica, per un periodo di transizione, al fine di facilitare l’insediamento del nuovo management alla guida del Gruppo, Dario Cossutta, Filippo Gaggini, Luca Liberali, Christopher Papachristophorou, Dimitri Raptis, Olivier de Poulpiquet e Carlo Alessandro Puri Negri.

              Il Consiglio di Amministrazione di Rinascente/Upim S.p.A. ha provveduto a nominare Vittorio Radice amministratore delegato con mandato sulla Rinascente e Luca Rossetto amministratore delegato con mandato sulla Upim. I due amministratori delegati, dotati di ampie deleghe operative, risponderanno direttamente al Cda.

                Maurizio Borletti 37 anni, riprende così la carica di presidente che era stata tre generazioni addietro di Senatore Borletti fondatore della Rinascente. Maurizio Borletti ha lavorato nel mondo del lusso e della distribuzione essendo stato presidente dal 1992 al 1999 del Christofle.