Al Sud ancora spazio per le nuove strutture

05/05/2003

              Domenica 04 Maggio 2003
              Commercio
                  Al Sud ancora spazio
                  per le nuove strutture

              MILANO Le maggiori prospettive di crescita della grande distribuzione sono al Sud, come spiega un’analisi di Information resources.
              La quota del dettaglio tradizionale nel Mezzogiorno resta elevata: risultano in attività 25.246 negozi tradizionali nel settore del largo consumo, contro i 68.283 dell’intera Italia. Al tempo stesso gli ipermercati sono solo 39 in confronto ai 256 censiti nell’intero Paese. Una quota inferiore a quella del Nord-Est (48) e a quella del centro (49) per non parlare del Nord-Ovest (119). Il Sud si riscatta
              con i supermercati: se ne contano 2.407 rispetto ai 7.332 del totale nazionale.
              Come rileva anche AcNielsen la marcia della modernizzazione nel Centro e soprattutto nel Sud Italia procede. Però il dinamismo potrebbe essere incrementato. In base ai risultati di un monitoraggio effettuato da Federcom, le Regioni del Sud in molti casi hanno
              adottato un orientamento non molto favorevole al sostegno dei nuovi investimenti nella distribuzione, con iniziative amministrative che hanno di fatto rallentato le aperture.
              Al Sud, peraltro, come rileva Information resources, il volume di fatturato anche nelle grandi strutture è nettamente più basso rispetto al Nord. Un ipermercato di oltre 6.500 metri quadrati al Nord ha
              ricavi medi di 87 milioni di euro, che crollano a 60 nel Mezzogiorno. Situazione pressoché identica per i piccoli ipermercati oppure per i vari tipi di supermercati.
              V.CH.