AIG, esito incontro 08/07/2015

Roma 27.07.2015

Testo Unitario
Il giorno 8 luglio 2015 si è svolto l’incontro riguardante le problematiche dell’Associazione Italiana Alberghi per le Gioventù. All’incontro erano presenti Giampiero Castano e Chiara Cherubini del Ministero dello Sviluppo Economico, Giulia Sforza e Roberta Gianni della Regione Lazio, Anita Baldi, Presidente dell’Associazione Italiana Alberghi per la Gioventù, Carmelo Lentino segretario nazionale dell’AIG, Giuseppe Pierro dirigente del Ministero dell’ Istruzione, dell’Università e della Ricerca, unitamente ai rappresentanti delle Organizzazioni Sindacali Nazionali Lucia Anile per la Filcams-CGIL, Elena M. Vanelli per la Fiscascat-CISL e Luciano Gullone per la Uiltucs-UIL, unitamente alle RSU.
La Presidente Anita Baldi ha parlato di due Protocolli di Intesa che l’Associazione Italiana Alberghi per la Gioventù ha recentemente firmato con le Ferrovie dello Stato Italiane e con l’Autorità Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza, dichiarando che il Protocollo di Intesa tra AIG e le Ferrovie dello Stato consiste in un progetto di riqualificazione di spazi ed edifici dismessi e inutilizzati di FS S.p.A. e delle società controllate (Rete Ferroviaria Italiana, FS Sistemi Urbani, Grandi Stazioni e Centostazioni) che verranno concesse all’AIG in locazione agevolata, concessione e comodato d’uso per promuovere e sviluppare il Turismo Sociale e Culturale Sostenibile per i giovani e per le loro famiglie.
Che il Protocollo di Intesa tra AIG e l’Autorità Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza contiene l’impegno reciproco a promuovere azioni tramite progetti con attività di formazione e informazione di interesse culturale, turistico e sportivo per i giovani.
Ha parlato anche dell’ipotesi di un imminente apertura di due Ostelli a Roma, uno situato nei pressi della Stazione Termini e l’altro nei pressi di Rebibbia, che a suo dire permetterebbero all’Associazione di avere circa 175 posti letto in totale per accogliere il forte flusso di presenze turistiche nella capitale, ipotizzando inoltre una terza soluzione a Roma per 50 posti letto aggiuntivi ancora in via di definizione.
Alla domanda dei due Dirigenti della Regione Lazio, sugli esuberi AIG di Roma al momento in aspettativa non retribuita, l’Associazione ha risposto che verranno ripresi a lavorare nelle strutture in apertura a Roma.
Ha inoltre comunicato che è’ stato siglato un contratto di affitto d’azienda per l’affidamento della gestione dell’Ostello di Cagliari alla cooperativa sociale Zinnibiri. Il contratto prevede l’affitto alla cooperativa dell’azienda, composta dalla forza lavoro e dai beni di sua proprietà ( l’immobile è di proprietà del Comune di Cagliari) a partire dal primo giugno 2015 e fino al 31 dicembre 2020.
Infine ci ha comunicato che per far fronte all’indebitamento dell’Associazione, gli organi direttivi hanno deliberato un piano di dismissione degli immobili di proprietà AIG.

Come Organizzazioni Sindacali FILCAMS-CGIL/FISASCAT-CISL e UILTUCS, preso atto delle novità annunciate da AIG, rimarchiamo ancora una volta il loro carattere di ipotesi e quindi non sufficienti a dare certezza di sviluppo e di ripresa economica della Associazione fortemente indebitata.
Sul fatto che l’AIG ha dichiarato di aver pagato gli stipendi del mese corrente, anche se con modalità differenti nei diversi Ostelli e in alcuni casi con incomprensibili differenze economiche, abbiamo richiesto con forza un serio e immediato piano per il pagamento dei corrispettivi arretrati nel rispetto degli accordi sottoscritti lo scorso anno, senza però ricevere dalla Presidenza alcuna certezza in merito.
Inoltre alla richiesta delle OO.SS. di maggiore trasparenza sui fondi pubblici di cui l’Associazione ha fruito in passato per la realizzazione di progetti finalizzati, la Presidente ha risposto che tutta la documentazione è disponibile per l’accesso trasparente agli atti presso la sede amministrativa di chiunque ne faccia richiesta.
Infine l’Associazione ha chiesto di aprire un tavolo di collaborazione con le OO.SS. al fine di ridiventare un soggetto credibile per nuovi progetti e investimenti anche pubblici.
Come OO.SS abbiamo dichiarato che per costruire percorsi condivisi è necessario in primo luogo che l’Associazione rispetti gli accordi sottoscritti e soprattutto che eroghi gli stipendi arretrati a tutti i lavoratori .
In attesa di costatare il rientro nella legittimità e regolarità del pagamento delle dovute spettanze ai lavoratori da parte dell’Associazione, chiediamo alle strutture territoriali interessate di averne riscontro.
Resta inteso che stiamo verificando tutte le azioni sindacali e legali possibili per poter dare soluzioni ai vari problemi.

P.Filcams CGIL nazionale
Lucia Anile