Aiazzone Carcere per Borsano e altri tre

29/03/2011


A rresto per Gianmauro Borsano, ex presidente del Torino calcio, accusato di bancarotta dalla Procura della Repubblica di Roma. Insieme a lui sono finiti in manette altri due imprenditori, Renato Semeraro e Giuseppe Gallo, mentre per il commercialista Marco Adami sono scattati i domiciliari. Per l`avvocato romano Maurizio Canfora è stata disposta la sospensione dall`esercizio della professione.
Le misure cautelari arrivano dopo un annodi indagini sulle traversie di una serie di società, tra le quali la B&S e la Mete spa, che secondo i magistrati romani sarebbero state sistematicamente svuotate. L`inchiesta coinvolge dieci persone in tutto, tra le quali Giampiero Palenzona, socio e amministratore della B&S, fratello di Fabrizio, vicepresidente di Unicredit, la banca che risulta più esposta nella bancarotta del gruppo Borsano. La mossa del procuratore aggiuni Nello Rossi e dei sostituti Francesca Loy e Francesco Ciardi ha provocato tensione con la Procura di Torino che ha in
corso un`inchiesta sugli stessi personaggi, accusati di aver truffato migliaia di clienti del mobilificio Aiazzone, marchio che faceva capo alle stesse società.