AGILENT COMMERCIALE ITALIA: ACCORDO ESUBERI: ESODO VOLONTARIO E INCENTIVATO

05/06/2003

FILCAMS-Cgil
Federazione lavoratori commercio turismo servizi

Ufficio Stampa
www.filcams.cgil.it

5 giugno 2003

AGILENT COMMERCIALE ITALIA: ACCORDO ESUBERI: ESODO VOLONTARIO E INCENTIVATO

Agilent Tecnoligies Italia è una multinazionale america, partecipata da HP, che opera nel campo della strumentazione elettronica per le telecomunicazioni, la farmaceutica e la chimica. In Italia ha quattro sedi: a Milano, Padova, Roma e Napoli, e impiega 300 dipendenti circa.

Una lunga trattativa ha impegnato il Coordinamento RSU Agilent di Milano e Roma e Filcams Fisascat territoriali e nazionali attorno a un esubero di personale della Agilent Commerciale Italia.

Questo il comunicato delle Rsu e delle federazioni sindacali.

«Raggiunto l’accordo con soluzioni non traumatiche per i lavoratori e percorsi di recupero occupazionale, a fronte delle 90 eccedenze dichiarate dall’azienda.

«La RSU Agilent e le organizzazioni sindacali Filcams e Fisascat hanno concluso positivamente la vertenza iniziata lo scorso 11 aprile per 90 esuberi, siglando un’ipotesi d’accordo dopo quasi 46 ore di trattativa continua. Accordo approvato dalle lavoratrici e dai lavoratori riuniti oggi in assemblea.

«Una filosofia aziendale tutta improntata a risolvere in tempi brevissimi le eccedenze occupazionali e un atteggiamento di formale apertura, ma di sostanziale chiusura, ha reso il confronto lungo e difficile.

«Nonostante un piano riorganizzativo pesante per il numero delle eccedenze, per i diversi accentramenti e terziarizzazioni di attività in altri Paesi, si è riusciti ad impegnare l’azienda a mantenere tutte le business attuali e la vendita diretta che sono alla base dell’ attività di Agilent Italia, nonché a considerare nel piano anche la ricerca e sviluppo come parte qualificante del piano stesso.

«Oltre alla riduzione delle eccedenze a un massimo di 83 unità, nell’accordo si prevedono verifiche per eventuali recuperi occupazionali nel corso del piano sia all’interno dell’azienda, sia con ricollocazioni in altre società interessate alle professionalità di Agilent.

«Altro elemento importante è che l’esodo dei lavoratori avrà carattere volontario supportato da consistenti incentivi. In aggiunta si prevede outplacement gratuito fino a ricollocazione in altra occupazione, mobilità con incentivi e con l’integrazione al 100% della differenza tra lo stipendio mensile lordo e l’importo del trattamento mensile della mobilità.

«Per seguire l’evoluzione del piano si prevedono quindi incontri mensili e a settembre è già calendarizzato un incontro finalizzato alla tutela e al recupero occupazionale».