AGENTI E RAPPRESENTANTI LA FILCAMS CONTRARIA ALLA SOSPENSIONE DEGLI STUDI DI SETTORE

04/12/2009

4 dicembre 2009

Agenti e Rappresentanti – la Filcams contraria alla sospensione degli studi di settore

Si è svolto a Firenze il 2 dicembre scorso, presso la Camera del Lavoro il Coordinamento Nazionale Agenti e Rappresentanti della Filcams Cgil; un’occasione per riflettere sulle attuali difficoltà del settore e avanzare proposte concrete alle istituzioni.
Il perdurare della crisi economica del paese e le conseguenze che inevitabilmente si stanno riflettendo sulla categoria degli Agenti e Rappresentanti preoccupano la Filcams Cgil.
“La contrazione dei consumi e l’assenza di adeguati interventi Governativi capaci di stimolare la ripresa dei consumi interni” sostiene il sindacato “stanno producendo danni che, se non tempestivamente arginati, rischiano di diventare irreversibili, e l’assenza di ammortizzatori sociali, espone ancora di più il settore agli effetti della crisi”.
Gli agenti e rappresentanti movimentano circa il 60% del Pil del Paese, “dare sostegno alla Categoria, significa anche mettere in moto un volano utile a tutti i settori produttivi per l’uscita dalla crisi”.
La Filcams propone degli interventi di agevolazione fiscale: la deduzione della spesa di acquisto o di leasing delle autovetture, la riduzione dei contributi previdenziali per i giovani, la definizione del concetto di “autonoma organizzazione” ai fini della applicazione dell’IRAP.
Per quanto riguarda invece la “sterilizzazione” degli studi di settore proposta, la Filcams Cgil esprime un’autonoma posizione rispetto alle altre Sigle Sindacali del settore.
“Riteniamo utile una profonda revisione e semplificazione degli studi di settore” dice la Filcams “ma non una loro sospensione, questo anche in coerenza con un più generale ipostazione della CGIL”.
“In ogni caso” conclude “confermiamo la nostra disponibilità a partecipare a tutti i tavoli di confronto che saranno attivati.”