Accordo quadro su detassazione

08/04/2011

Assicurare un beneficio economico ai lavoratori, migliorare i livelli di efficienza e competitività delle aziende, accompagnare il decentramento della contrattazione collettiva: sono gli obiettivi, dell`accordo quadro sula detassazione siglato tra imprese dei turismo (Federalberghi, Fipe, Fiavet, Faita, Confcommercio imprese per l`Italia, Federreti) e sindacati (Filcams Cgil, Fisascat Cisl, Uiltucs).
L`accordo – che riguarda circa un milione di lavoratori dipendenti da aziende del settore turismo (alberghi, campeggi, bar, ristoranti, agenzie viaggi, stabilimenti balneari) consente la detassazione al 1o% sulle somme erogate che le aziende del turismo riconoscono propri dipendenti a fronte di incrementi di qualità e produttività. Un nuovo strumento per ridurre il divario tra costo del lavoro e retribuzione netta, dunque. l lavoratori del settore beneficeranno di una tassazione agevolata che comporterà l`applicazione di un`aliquota del 1o% in luogo dell`aliquota marginale 27%. Bernabó Bocca, presidente di federalherghí, evidenzia come queste misure possono contribuire a colmare il gap negativo che le strutture turistico-ricettive italiane hanno rispetto aì loro competitor internazionali in termini di maggiori costi ed oneri economici. Federalberghi ha inoltre predisposto, in collaborazione con l`Ente bilaterale nazionale del settore Turismo, un manuale operativo, realizzato su misura per le imprese e le associazioni territoriali del settore turismo, per facilitare la definizione degli accordi di secondo livello e l`applicazione delle agevolazioni. Il manuale, dal titolo "Misure per l`incremento della produttività del lavoro: la detassazione e la decontribuzione", contiene anche un fac simile di accordo di secondo livello che le partì hanno definito oggi in sede nazionale, ed è liberamente scaricabile dal sito internet di Federalberghi