Accordo con Iata, Parmatour respira

02/03/2004

GAZZETTA DI PARMA

martedì 2/03/2004

Nuovamente disponibili i biglietti aerei, ma i lavoratori
restano in agitazione
Accordo con Iata, Parmatour respira
PARMA – I biglietti aerei sono di nuovo disponibili nelle agenzie di Parmatour. L’accordo con Iata per il ripristino dell’emissione, sospesa la settimana scorsa, è stato raggiunto, sottoscritto anche dal commissario Bondi: nuove linee di pagamento e condizioni garantite per entrambe le parti. Una boccata d’ossigeno, dunque, che rappresenta un passaggio importante per non rimanere inchiodati all’inattività. Così l’hanno giudicata i lavoratori riuniti in assemblea ieri mattina nella sede della holding turistica. I rappresentanti sindacali Elisa Camellini (Filcams-Cgil), Michela Tosini (Fisascat-Cisl) ed Emilio Pellicciari (Uiltucs-Uil), hanno confermato, in risposta all’accordo, la sospensione dei presidi e dell’assemblea permanente, che erano stati proclamati all’interno dell’azienda, pur mantenendo lo stato di agitazione in attesa di saperne di più sul futuro di Parmatour, al di là di questo primo intervento messo in atto per tamponare l’emergenza che si era creata riguardo al servizio di biglietteria aerea.

«Ci sono risposte che vanno date in tempi brevi _ sostengono i sindacati _ su quali linee si muoverà l’azienda. Ad esempio, se Parmatour verrà venduta, se ci sono trattative già in corso, come si sente vociferare, anche se, al momento, si tratta solo di ipotesi non confermate». Per i rappresentanti dei lavoratori non c’è tempo da perdere, «perché in uno stato di incertezza, in condizioni operative precarie e per di più alla vigilia dell’avvio della stagione estiva si perdono quote di mercato, a cominciare dalle imprese che necessitano quotidianamente dei nostri servizi».

Nel tardo pomeriggio di ieri i sindacati hanno incontrato i manager preposti alla gestione corrente dell’azienda, assistiti dall’Unione parmense degli Industriali, ed hanno avuto le prime risposte. «Il black out della biglietteria ha fatto perdere qualche cliente, ma ci sono già in atto trattative per appalti con aziende importanti e dunque la macchina dovrebbe continuare a marciare _ riferiscono i sindacati dopo l’incontro _ altri segnali che vanno verso un prosieguo dell’attività sono dati dal fatto che Parmatour sta preparando un badget per i prossimi mesi. Inoltre sono già allo studio grafico e dovrebbero uscire a breve i nuovi cataloghi per la stagione estiva, con i contenitori e le proposte già pronti». In merito alle voci di possibili cessioni l’azienda ha reso noto che sta ricevendo alcune offerte e le sta valutando. Ma al momento a riguardo non c’è alcun segnale di un possibile passaggio.

Per tenere sotto controllo l’evolversi della situazione è stato creato un coordinamento interno dei lavoratori, composto oltre che dai due delegati Rsu, Cgil e Cisl, anche da referenti di ciascun settore (cataloghi, recupero crediti, business travel, ecc.) che alla fine di ogni giornata si riunisce e si confronta.

Patrizia Ginepri