ABANO. IL NO DI ASSOALBERGATORI SULLE MOBILITÀ DEI LAVORATORI DELLE TERME

02/09/2012

2 settembre 2012

ABANO. Il No di Assoalbergatori sulle mobilità dei lavoratori delle Terme

Abano Terme. Si è concluso con una risposta negativa inaspettata, l’incontro tra Assoalbergatori e le organizzazioni sindacali Filcams Cgil, Fisascat Cisl, Uiltucs Uil che avevano chiesto di congelare le procedura di mobilità già avviate per decine di lavoratori delle terme.
Durante l’incontro più di 200 lavoratori hanno manifestato davanti la sede dell’Associazione Albergatori, per esprimere il proprio disagio.
“E’ chiaro a questo punto che dall’inizio della trattativa l’intento era semplicemente quello di poter disporre dei lavoratori a loro piacimento” affermano i sindacati “il contratto a tempo determinato non è il prodotto della crisi, ma della mancanza di imprenditorialità di alcuni albergatori, a discapito di quelli che credono e investono ancora in questo territorio.”
L’Associazione non ha dato disponibilità neppure di fronte all’intervento propositivo del Sindaco Luca Claudio e parte della giunta comunale che, in funzione di una distensione sociale, chiedeva almeno un rinvio di una settiamana, per poter anticipare l’incontro in Regione e nel frattempo predisporre un tavolo tecnico entro la prossima settimana.
I sindacati auspicano “che il territorio, le istituzioni tutte e l’opinione pubblica, alla luce di tutto ciò, si uniscano alla protesta di chi oggi si batte per garantire un futuro per sé e per il Bacino Termale Euganeo.”

Il 7 settembre alle ore 16.00 si terrà un’assemblea generale dei lavoratori presso il Centro Anziani di Abano, alla presenza dell’Assessore al Lavoro della Provincia di Padova Massimiliano Barison, alla quale saranno invitati anche gli albergatori.