“A22″ Aree liberate per il nuovo gestore

25/01/2007

    mercoledì 24 gennaio 2007

    Pagina 33

    Passo verso la definitiva soluzione del braccio di ferro tra A22 e il colosso della ristorazione

      Autogrill, aree liberate per il nuovo gestore

        Dissequestro a Nogaredo, adesso tocca ai campani di Hermes

        Nuovo passo avanti verso lo sblocco definitivo della vicenda delle stazioni di servizio di Nogaredo, che ha visto la dura contrapposizione di Autostrada del Brennero e Autogrill. La società del gruppo Benetton si è infatti impegnata, con una lettera inviata l’altra sera all’A22, a mettere a disposizione dei nuovi gestori i locali dell’area di servizio nel giro di 24 ore dal sequestro, una volta ripristinata la funzionalità degli autogrill, fermi da giorni. Già oggi, dunque, la Hermes srl, la società campana che si era aggiudicata l’appalto delle attività di ristorazione nelle aree di Nogaredo, potrebbe iniziare la propria attività.

        La situazione si è sbloccata grazie a due mosse: la prima è stata la decisione di Autogrill di rinunciare al ricorso al Consiglio di Stato per la gara contestata; il gruppo si era già visto respingere la richiesta di sospensiva al Tar, ma aveva deciso di ricorrere contro quella decisione. All’ultimo minuto, infine, il repentino cambio di rotta. La seconda è stata la decisione della Procura di Rovereto di dissequestrare i beni, restituendoli «al soggetto che ne aveva disponibilità al 16 gennaio 2007, ovvero la società Autogrill Spa». Quest’ultima, come informa una nota dell’A22, si è dichiarata «pronta a porre in essere ogni atto necessario al ripristino della piena funzionalità dei punti di ristoro citati, e di consegnare i medesimi, entro 24 ore dal dissequestro, al soggetto che Autostrada del Brennero avrà individuato ai fini dello svolgimento delle attività di ristorazione nelle more della definizione del contenzioso e dei procedimenti amministrativi pendenti».

        La definizione della questione ha anche portato alla rinuncia, da parte di Autogrill e di A22, alle iniziative giudiziarie incrociate che erano state intraprese dopo il duro scontro su Nogaredo. Anche se le schermaglie non sono del tutto finite. Tocca così ancora al presidente di Autobrennero, Ferdinand Willeit, replicare al responsabile delle comunicazioni di Autogrill, che aveva chiamato in causa il ministro Bersani: «Non è vero – precisa Willeit – che il ministro abbia detto che le gare d’appalto per la gestione dei punti di ristoro dell’A22 andrebbero rifatte, mentre, al contrario, l’Anas si è espressa chiaramente sulla validità della normativa prevista dalla legge finanziaria esclusivamente pro futuro».