A settembre avviso comune sugli orari

25/07/2002


Giovedí 25 Luglio 2002
A settembre avviso comune sugli orari
ROMA – Prossimo appuntamento a settembre. La storia degli avvisi comuni non finisce con quello di ieri sul sommerso: a settembre, infatti, il sottosegretario al Welfare, Maurizio Sacconi, ha già annunciato la convocazione delle parti sociali per arrivare a un accordo sull’orario di lavoro. La procedura, in questo caso, è quella standard delle direttive europee che prevede, appunto, per il recepimento dei provvedimenti Ue, la firma di un avviso comune. Già nei prossimi giorni alle parti sociali il lavoro preparatorio di Marco Biagi sull’orario di lavoro. Esiste già una delega al Governo sull’argomento inserita nel disegno di legge che riforma il mercato del lavoro ma, come ha spiegato ieri Sacconi «abbiamo deciso di esercitarla attraverso un preventivo accordo tra le parti. E adesso abbiamo pensato di mettere loro a disposizione il materiale di Marco Biagi per agevolarne il lavoro. Pensiamo di avere una proposta entro settembre, considerato che già siamo soggetti ad una procedura di infrazione da pare della Ue». L’orario è un tema centrale nel progetto di riforma del mercato del lavoro messo in campo dal Governo con i disegni di legge delega: tutte le nuove flessibilità puntano infatti su una più elastica modulazione dei tempi di lavoro. E, ancora una volta, c’è il rischio di arrivare a un nuovo accordo separato con i sindacati.