A quota 700mila la caccia ai «kit» per colf e badanti

03/09/2002



Martedì 3 settembre 2002



NORME E TRIBUTI




A quota 700mila la caccia ai «kit» per colf e badanti


ROMA – Gli uffici postali hanno già distribuito 700mila kit per mettere in regola colf e badanti extracomunitari. La maggior parte (600mila) nei primi tre giorni, 60mila sabato e 40mila oggi. In pratica, poco meno della metà di quelli stampati, che sono un milione e mezzo, sono dunque già nelle mani degli interessati. I dati sono stati resi noti ieri dalle stesse Poste che nei prossimi giorni affronteranno la consegna dei moduli compilati e la distribuzione dei kit celesti per sanare i rapporti di lavoro subordinato. Anche di questi plichi ne sono già stati stampati un milione e mezzo. L’assalto agli uffici postali per assicurarsi il kit bianco per l’emersione di colf e badanti extracomunitari ha subito negli ultimi due giorni una battuta d’arresto. Ieri si è verificata addirittura una flessione rispetto a sabato, giorno in cui si prevedeva una minore richiesta essendo l’ultimo fine settimana di agosto. La distribuzione, confermano ancora una volta le Poste, è stata comunque massiccia nelle grandi città, soprattutto a Roma, Milano, Napoli, Genova e Torino. L’attenzione è ora puntata al secondo round della regolarizzazione degli extracomunitari, che vedrà protagonisti non più colf e badanti ma gli altri lavoratori dipendenti di aziende industriali, agricole o commerciali. Tutto è pronto – assicurano le Poste – per affrontare anche questa seconda ondata di lavoratori stranieri e di relativi datori di lavoro; si aspetta solo l’entrata in vigore del decreto legge che detterà le modalità per l’emersione del lavoro subordinato. La consegna dei moduli celesti dovrebbe avvenire dal 9 o, più probabilmente, dal 10 settembre e, in ogni caso, dopo l’entrata in vigore dell’atteso decreto legge che dovrebbe vedere la luce nei prossimi giorni (si veda l’articolo qui a fianco).

M.Pe.