A MODENA, LE ISPEZIONI SUL POSTO DI LAVORO PORTANO A 20.000 REGOLARIZZAZIONI IN UN SOLO SEMESTRE. MA C’È IL TRUCCO

04/09/2007

FILCAMS-Cgil
Federazione lavoratori commercio turismo servizi
Ufficio Stampa
www.filcams.cgil.it

4 settembre 2007

A MODENA, LE ISPEZIONI SUL POSTO DI LAVORO PORTANO A 20.000 REGOLARIZZAZIONI IN UN SOLO SEMESTRE. MA C’È IL TRUCCO

COSA C’È DIETRO IL BOOM DI AVVIAMENTI AL LAVORO A MODENA?
Un’analisi di Marzio Govoni, segretario generale della Filcams Modena

«Sono davvero impressionanti i dati relativi agli avviamenti al lavoro nel primo semestre 2007, anticipati dall’assessore al Lavoro della Provincia di Modena, Gianni Cavicchioli.

«L’incremento del 36% degli avviamenti (da 55.000 nel primo semestre 2006 a 75.000 nel primo semestre 2007) dimostra con evidenza i primi importanti effetti dei provvedimenti a contrasto del lavoro nero ed irregolare. L’obbligo di comunicazione preventiva delle assunzioni e del cartellino di riconoscimento per chi opera negli appalti, l’accresciuta attività ispettiva, ma anche un “clima” meno favorevole all’illegalità nei rapporti di lavoro, sono state cause determinanti nel produrre questi dati positivi.

«Purtroppo c’è l’altra faccia della medaglia. Vale a dire quella di una crescita ulteriore del lavoro precario, poiché i 20.000 avviamenti in più sono relativi a rapporti a tempo determinato, contratti di collaborazione e altre forme diverse dal lavoro a tempo indeterminato, quali il lavoro a chiamata.

«È proprio sull’esplosione del lavoro a chiamata nella nostra provincia, che vogliamo soffermarci.

«Si tratta di una tipologia di rapporto di lavoro introdotta con la Legge 30, giustificata con la necessità di maggiore flessibilità per le imprese a forte discontinuità di lavoro.

«Oggi in realtà il lavoro a chiamata è un imbroglio, una modalità semi-regolare di evasione contributiva e una truffa ai danni dei lavoratori che, a volte, nemmeno sanno di essere stati assunti con questa modalità. Non è un caso che sia il settore dei servizi (che ha una forte presenza di lavoro nero), a vedere la maggior presenza di lavoro a chiamata.

«L’albergo, il ristorante, il negozio che hanno ricevuto la visita degli organi ispettivi, verificando la presenza di lavoratori in nero, “regolarizzano” il personale con contratti a chiamata.

«In realtà si tratta di lavoratori occupati l’intera settimana, dei quali si finge l’impiego in una sola giornata, corrispondendo in nero la retribuzione eccedente.

«Ciò accade anche quando si teme una visita ispettiva, giungendo a casi nei quali il lavoratore risulta occupato un giorno al mese per 4 ore, pur prestando la propria opera costantemente nella settimana.

«L’attività degli organi ispettivi, l’impegno legislativo alla riduzione dell’enorme quantità di lavoro nero, corre il rischio di arenarsi nelle secche della legislazione del lavoro introdotta dal governo di centrodestra, di cui sempre più sono evidenti i danni prodotti.

«È sempre più urgente cambiare la Legge 30, cancellando senza ambiguità il lavoro a chiamata e lo staff leasing, rivedendo nel contempo profondamente la normativa sul tempo determinato».