A Mazara un polo turistico da oltre 14 milioni di euro

29/11/2002

ItaliaOggi (Turismo)
Numero
282, pag. 18 del 28/11/2002
Fabio Donfrancesco


La società Mediterranea vara un aumento di capitale e cerca nuovi partner.

A Mazara un polo turistico da oltre 14 milioni di euro

Un piano di investimenti di oltre 14 milioni di euro per creare un polo turistico nel comprensorio di Mazara del Vallo, in provincia di Trapani, dotato di una beauty farm di circa 1.400 metri quadrati. L’assemblea straordinaria della pubblic company Mediterranea, composta da 34 piccoli azionisti siciliani ha recentemente deliberato un aumento di capitale sociale di 1.453.500 euro (da 2,4 a 3,9 milioni) e contestualmente l’emissione di un prestito obbligazionario di 2 milioni al tasso del 7,50 netto.

Inoltre verranno poste sul mercato 1 milione di azioni del valore di 1,53 euro. ´Col patto di sindacato’, spiega il presidente Giovanni Savalle, ´gli azionisti hanno inteso aprire le porte della società a un partner di prestigio o a un investitore istituzionale. Abbiamo trattative in corso con alcune grandi banche’, rivela Savalle, ´e intendiamo anche utilizzare la legge 266/97 che fornisce garanzie a sostegno della capitalizzazione delle piccole e medie imprese’.

Il progetto messo in cantiere dalla Mediterranea è molto ambizioso: ´Dopo il restauro del baglio della metà dell’800 che sorge alle porte di Mazara’, spiega il presidente Savalle, ´entrato recentemente a far parte della catena Charme & relax, il prossimo importante passo sarà un albergo di lusso accanto a un’altra struttura all’avanguardia, una vera e propria fattoria della salute; un centro benessere a livello internazionale che sarà un gioiello di tecnologia e nel quale saranno applicate ben 50 metodiche diverse, secondo pratiche naturali. Parallelamente’, continua il presidente di Mediterranea, ´è in progetto un centro congressi da 250 posti dotato di tecnologie multimediali e l’edificazione di un wine pub che sarà gestito in joint venture con una primaria azienda vitivinicola isolana’.

Le risorse acquisite con il prestito obbligazionario lanciato dalla società, verranno poi impiegate per realizzare un parco di 2,5 ettari con giochi d’acqua in cui saranno immersi il baglio e la struttura alberghiera da 99 camere di categoria quattro stelle superior, che è il cuore del progetto societario. L’impianto alberghiero entrerà in funzione entro il 2004 e disporrà solo di suite da 50 a 140 metri quadrati.