A Conad la rete sud di Standa Commerciale

15/03/2000

loghino.gif (3272 byte)

ombraban.gif (478 byte)



testata quotidiano

europa

mondo

commenti e inchieste

italia – politica

italia – economia

italia – lavoro

edilizia e territorio

testata norme

norme e tributi

testata finanza

finanza & mercati

finanza internazionale

mercato dei capitali

materie prime




1 2 3 5 6 7 8 9 11 12 13 15 16 17 19 21 23 24 26 27 29 30 31 32 33 36 37 39 40





Mercoledì 15 Marzo 2000
italia – economia
Il gruppo distributivo ha acquisito 55 supermercati e due ipermercati con un fatturato di 600 miliardi A Conad la rete sud di Standa L’intesa interessa Puglia, Calabria e Sicilia – Il giro d’affari globale verso i 12mila miliardi nel 2000

MILANOIl gruppo distributivo Conad ha acquisito la rete di vendita della Standa commerciale (controllata dalla famiglia Franchini e dal Mediocredito lombardo, e associata alla centrale acquisti Interdis) operante nelle regioni del Mezzogiorno. Si tratta in pratica di una rete composta da sessantina di supermercati per un fatturato prossimo ai 600 miliardi (stime al consumo). La superficie commerciale è di circa 67mila metri quadrati, con due ipermercati e 55 supermercati alimentari dislocati da Puglia, Sicilia e Calabria.

Dopo questa operazione, con Cedi Puglia (associato Conad) come capofila, il gruppo distributivo cooperativo consolida le posizioni di leadership nell’area meridionale, con particolare riguardo per l’area adriatica. Cedi Puglia, in particolare, nel corso del ’99 ha realizzato vendite al consumo per circa mille miliardi e per quest’anno conta di mettere a segno un incremento del 20% almeno (al netto delle acquisizioni). A supporto dello sviluppo delle attività commerciali nell’area del Sud il Conad ha realizzato un nuovo centro distributivo nell’area di Bitonto, alle porte di Bari, che aggiungendosi a una struttura preesistente, porta a 52mila metri quadrati le infrastrutture di base. Gli addetti sono 3.800; quest’anno sono previste 360 nuove assunzioni.

Il Conad Cedi Puglia conta oggi 238 supermercati a insegna Conad con una superficie di vendita di 152mila metri quadrati. A questi si aggiungono 215 negozi di piccole dimensioni a insegna Margherita con una superficie complessiva di oltre 44mila metri quadrati. Nel corso del ’99 sono stati aperti 30 nuovi negozi. Per quest’anno il piano di sviluppo prevede l’avvio di almeno 35 nuove strutture di vendita.

Nel complesso il gruppo Conad, a livello nazionale, ha archiviato il ’99 con un giro d’affari di 9.881 miliardi di lire e, grazie anche all’operazione con Standa alimentare, vede molto vicino il traguardo degli 11mila miliardi nel corso del 2000, ed è anche probabile che questa quota venga superata visto il ritmo di crescita del business in questi anni. La rete di vendita comprende 1.415 supermercati (800mila metri quadrati di superficie complessiva) cui si aggiungono 1.395 negozi di dimensioni minori a insegna Margherita (221mila metri quadrati) e 5 ipermercati Pianeta.

Nei mesi scorsi Conad ha siglato una alleanza strategica con il gruppo distributivo Coop che ha portato alla costituzione di una società comune per il settore hard discount, nella quale sono confluiti i punti vendita delle due catene di vendita. Inoltre è stata costituita una società comune, denominata Italia distribuzione, per il coordinamento delle politiche commerciali sul fronte dell’approvvigionamento. Queste due operazioni sono attualmente all’attenzione dell’Antitrust.

Per quanto riguarda Standa alimentare, che di recente ha siglato una intesa commerciale con il gruppo Interdis (si veda «Il Sole-24 Ore» del 25 febbraio), l’uscita dal mercato meridionale consentirà di consolidare le posizioni nel Nord Italia.

Il vertice di Standa alimentare ha in più occasioni lasciato intendere di voler procedere a operazioni di espansione nel Nord Italia, anche con l’acquisizione di catene locali.

Vincenzo Chierchia