A Chianciano privatizzazione alle battute finali

05/11/2004

              Centro Nord venerdì 5 novembre 2004


              sezione: CENTRO NORD – pag: 7
              E a Chianciano privatizzazione alle battute finali
              SI.PI.
              Mentre le Terme di Montecatini sono alle prese col riassetto societario, a Chianciano si avvicina la firma del contratto di affitto tra la proprietà delle Terme (Regione e Comune) e l’unica cordata che ha partecipato alla gara per la gestione del complesso termale, formata da Mps merchant (45%), Albergatori di Chianciano (20%), Banca di credito cooperativo di Chianciano (15%), Eudermic cosmetic (10%), Terme di Montepulciano e clinica Chianciano salute (5% a testa). Dopo l’ennesimo rinvio, la stipula del contratto che dà il via al nuovo corso per i prossimi 40 anni dovrebbe avvenire entro il 31 dicembre.

              Intanto, alla cordata che si è aggiudicata la gara si prepara ad aggiungersi (rileverà una quota del 5%) una nuova società, la bolzanese Atzwanger, leader europeo nel settore delle tecnologie idrauliche, destinata a portare competenze nella costruzione delle nuove piscine termali (investimento previsto quattro milioni), avviata dalla proprietà pubblica e ora bloccata per un contenzioso con la ditta appaltatrice. Il gruppo Atzwanger, 51,7 milioni di fatturato 2003, 220 addetti, sedi a Bolzano, Monaco e Salisburgo, conta tra le sue ultime realizzazioni un centro wellness a Mosca e il parco acquatico di teleriscaldamento di Torino.


              Il piano industriale dei nuovi gestori privati delle Terme di Chianciano prevede investimenti per più di 10 milioni, di cui 6,5 nei primi cinque anni (per la metà in comunicazione), con la creazione della prima stazione termale telematica, il rilancio delle proprietà scientifiche dell’"acqua Santa" per la cura del fegato e l’utilizzo delle altre acque termali per la cura dell’osteoporosi, delle vasculopatie e per il segmento benessere. I 70 alberghi che partecipano alla società Albergatori di Chianciano spa (Federalberghi) si impegnano ad applicare un decalogo di qualità, attenzione alla corretta alimentazione e a dotarsi di un logo comume.