8 OTTOBRE SCIOPERO VIGILANZA PRIVATA

21/09/2010

21 settembre 2010

L’8 ottobre sciopera la vigilanza privata

Vigilanza privata, l’8 ottobre il settore, in attesa del rinnovo del contratto nazionale da quasi due anni, si ferma per l’intera giornata.

Circa 35000 lavoratrici e lavoratori della Vigilanza privata da quasi due anni sono in attesa del rinnovo del proprio contratto nazionale. Da oltre un anno è iniziata la trattativa tra organizzazioni sindacali senza arrivare ad alcuna concreta proposta che potesse far arrivare ad una soluzione condivisa.
Diverse le difficoltà lamentate dalle associazioni datoriali: un forte stato di sofferenza finanziaria, l’insostenibilità del costo del lavoro e la disattenzione verso il settore da parte delle istituzioni. La condizione di stallo del negoziato dimostra, però, la poca disponibilità della controparte a proseguire un confronto negoziale finalizzato al raggiungimento di un’intesa.
Il settore si sta comprimendo, lasciando sempre più spazio a quella che viene chiamata “zona grigia”, cioè quelle imprese che svolgono attività di portierato fuori da qualunque regola, ma in realtà svolgono attività riferibili al settore della sicurezza ad un costo inferiore rispetto a quello della Vigilanza Privata.
“Il settore è in difficoltà, e la crisi aggrava la situazione” afferma la Filcams Cgil “ma tutte queste criticità non possono bloccare il rinnovo del contratto. Ci vuole responsabilità da parte di tutti, soprattutto per non far pagare la crisi solo ai lavoratori, portando ad una dequalificazione generale”.
La trattativa si era interrotta lo scorso 29 luglio e, unitariamente, le organizzazioni sindacali Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs Uil hanno proclamato lo sciopero nazionale per il giorno 8 ottobre.
In questi giorni le strutture regionali e territoriali delle organizzazioni sindacali si attiveranno per diffondere l’iniziativa tra le lavoratrici ed i lavoratori e preparare al meglio la mobilitazione.