5 Maggio, sciopero generale della Scuola, l’adesione della Filcams Cgil

29/04/2015

Uno sciopero unitario che coinvolgerà le sigle sindacali della scuola Flc Cgil, Cisl Scuola, Uil Scuola,  Snals Confsal e Gilda Unams. Il prossimo 5 maggio il personale della scuola si fermerà per protestare contro il Disegno di legge del governo “La Buona Scuola”.

Milano, Roma, Bari, Cagliari, Palermo e Catania, la Filcams Cgil sarà al fianco della Flc, delle altre sigle sindacali e degli studenti  per rivendicare il diritto allo studio e ad una vera riforma della scuola pubblica.

“Il disegno di legge proposto dal Governo rischia di creare nuove disparità all’interno della scuola, già fortemente provata dalla continua disattenzione al suo valore e al suo ruolo nel paese” afferma Maria Grazia Gabrielli segretario generale della Filcams Cgil. “Non un passo avanti, quindi, come sostiene il Governo, ma l’avvio di un percorso accentratore e squilibrato, che non porterà davvero ad una Buona Scuola.”

“Eliminare la precarietà di chi nella scuola lavora, investire sulla sicurezza per chi la scuola la vive, dare risposte alla dignità  e al salario delle lavoratrici e dei lavoratori attraverso il rinnovo del contratto, riaffermare il diritto allo studio e l’accesso libero e gratuito all’istruzione” conclude la segretaria, “sono i temi essenziali per il rilancio e la centralità  della nostra Scuola Pubblica”.

Per queste ragioni la Filcams Cgil il 5 maggio sarà nelle piazze.